Ciondoli e Medaglie – Medaglia di San Benedetto a Colori

Prezzo: 15.00

Quantità: 1 Pz per Conf.
Specifiche:  Ciondoli e Medaglie
Materiali: Ottone
Diametro: 3 Cm Circa
Codice Articolo: R0434
Tempi di Spedizione: 2/3 gg
N.B. Spedizione Gratuita per ordini superiori a € 50

 

Prezzo prodotto
Totale opzioni aggiuntive:
Totale ordine:
Ciondoli e Medaglie – Medaglia di San Benedetto a Colori
Approfondimenti:

In questa sezione del nostro sito web troverete una selezione di medaglie coniate in ottone e zama rappresentanti i più popolari Santi della tradizione cattolica.

Specifiche:

Bellissima medaglia di color oro (coniata) raffigurante San Benedetto. Rifinita con smalto colorato.

Cenni Storici:

La medaglia era in origine una croce, dedicata alla devozione in onore di San Benedetto. Ad un certo punto sono state coniate medaglie che portavano l’immagine di San Benedetto con una croce in alto nella mano destra e la sua Regola per i monasteri nell’altra mano. Quindi una sequenza di lettere maiuscole è stata posizionata attorno alla grande figura della croce sul retro della medaglia. Il significato di ciò che significavano le lettere andò perduto nel tempo fino a quando intorno al 1647 fu scoperto un vecchio manoscritto presso l’abbazia benedettina di Sankt Michael a Metten. Nel manoscritto, scritto nel 1415, c’era un’immagine raffigurante San Benedetto che tiene in una mano un bastone che termina in una croce e un rotolo nell’altra. Sul bastone e sulla pergamena erano scritte per intero le parole di cui le misteriose lettere erano le iniziali, una preghiera latina di esorcismo contro Satana. Il manoscritto contiene la formula esorcismo Vade retro Satana (“Arretra Satana”), e le lettere sono state trovate per corrispondere a questa frase.

Sul davanti della medaglia si trova San Benedetto con una croce nella mano destra, il simbolo cristiano della salvezza, e a sinistra la sua regola monastica. Alla destra di Benedetto, sotto la croce, c’è una coppa avvelenata, un riferimento alla leggenda secondo cui monaci ostili tentarono di avvelenarlo e la coppa contenente vino avvelenato si frantumò quando il santo fece il segno della croce su di essa. Alla sua sinistra, sotto la regola, il corvo che porta via una pagnotta di pane avvelenato. Da ciò deriva la tradizione che la medaglia protegge dall’avvelenamento.

Sopra la coppa e il corvo ci sono le parole CRUX SANCTI PATRIS BENEDICTI (“La croce del [nostro] Santo Padre Benedetto”). Intorno alla figura di San Benedetto ci sono le parole EIUS IN OBITU NRO (nostro) PRAESENTIA MUNIAMUR (“Che possiamo essere rafforzati dalla sua presenza nell’ora della nostra morte”), poiché i Benedettini lo consideravano un particolare protettore per una felice morte.

Sul retro c’è una croce, contenente le lettere C S S M L – N D S M D, iniziali delle parole Crux sacra sit mihi lux – Numquam draco sit mihi dux (“Possa la santa croce essere la mia luce! Possa il demonio non essere mai il mio signore!”). Il grande C S P B sta per Crux Sancti Patris Benedicti (“La croce del [nostro] Santo Padre Benedetto”). Intorno al retro della medaglia ci sono le lettere V R S N S M V – S M Q L I V B, in riferimento a Vade retro Satana – Numquam suade mihi vana – Sunt mala quae libas – Ipse venena bibas (“Arretra Satana! Non tentarmi mai con le tue vanità! Quello che mi offri è il male. Bevi tu stesso il veleno!”) E infine, in cima c’è la parola PAX che significa “pace”.

Carrello